fbpx

TikTok, tutto sul social network del momento

Sembra solo ieri quando l’app di riferimento dei millennial era Snapchat. Oggi invece la Generazione Z, quella dei ragazzi tra i 16 e i 24 anni, preferisce usare TikTok, il social network basato sulla creazione di video di massimo sessanta secondi a partire da una base musicale.

Si tratta di una piattaforma di intrattenimento molto diretta che porta gli iscritti a dare sfogo alla propria creatività, per raccontarsi in modo spontaneo e originale, in particolare attraverso le sfide interattive (challenge) e argomenti di tendenza (hashtag).

Prodotta dalla compagnia cinese ByteDance e nata dalla fusione con Musical.ly (il servizio di videosharing che consentiva di cantare in playback sui brani del momento), questa app nell’ultimo anno ha conosciuto una crescita inarrestabile. Basti pensare che TikTok conta 15 milioni di utenti attivi al giorno ed è stata l’app più scaricata al mondo nel 2019, un vero e proprio fenomeno sociale che sfida i colossi Facebook e Instagram. Numeri da capogiro che iniziano ad interessare anche agli inserzionisti.

Se la vostra azienda punta ad un target di giovanissimi e non ha grossi problemi di budget, TikTok Ads potrebbe essere una valida strada da esplorare.

Dovete infatti considerare che circa il 66% degli utenti ha meno di 30 anni e il 41% ha un’età compresa tra i 6 e i 24 anni, oltre al fatto che i budget di partenza delle campagne sono molto alti:  investimento minimo di 20 dollari al giorno o totale per l’intera campagna di almeno 500 dollari.

TikTok fa al caso vostro anche se il vostro brand punta al mercato asiatico dato che i canali social Facebook, Instagram o Youtube non sono presenti in Cina e quindi non possono fare advertising.

Al momento TikTok Ads è ancora in versione beta e la pubblicità su questo canale, almeno in Italia, è in fase embrionale ma la crescente viralità dell’app fanno ben sperare. Forse è proprio questo il momento giusto per testare le prime inserizioni per non farsi trovare impreparati in futuro. Ma ricordate: TikTok non è una piattaforma per “vecchi”, e il rischio figuraccia è dietro l’angolo senza il giusto supporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *